Come stendere il bucato

stendere la biancheriaVi sembrerà bizzarro ma esistono metodi specifici su come stendere il bucato.

Ebbene si, la mia mamma che da sempre sostiene che la biancheria deve essere stesa seguendo precise regole sarà felice nel leggere questo articolo.

Iniziamo con la scelta delle mollette, devono essere rigorosamente di plastica e non di legno perchè il legno non è perfettamente liscio e potrebbe scheggiare i nostri capi più delicati. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio:

  • La lana, le fibre sintetiche, la seta e i capi colorati vanno stesi all’ombra mentre i capi bianchi rigorosamente al sole,
  • i capi di lana vanno stesi necessariamente in orizzontale per evitare che il peso dell’acqua li sformi,
  • le camicie vanno appese per il collo, le mollette vanno poste alle due estremità del colletto,
  • le calze non vanno appese per il bordino ma per le punte,
  • le mutande vanno appese per la vita ma senza tendere mai l’elastico,
  • lo stesso vale per i pantaloni, sempre per la vita,
  • gli indumenti che non si devono stirare o difficili da stirare vanno messi su di una gruccia eventualmente abbottonati in modo che non si formino fastidiose pieghe.

Una cosa molto importante da tener sempre a mente è che i capi anche dopo il lavaggio potrebbero stingere quindi mai mettere a contatto capi bianchi e colorati.

Altro suggerimento utile è quello di appendere gli abiti per la parte più voluminosa in modo che sgocciolando l’acqua non vada a trattenersi proprio dove è più spesso il tessuto, inoltre, dove possibile, vi consiglio di stendere il bucato lasciando spazio in modo che l’aria circoli meglio.

stendere la biancheria

Non deponiamo mai il bucato ancora umido nei cassetti o negli armadi, ci ritroveremmo ad indossare un capo maleodorante.

Questo è quanto, sicuramente quasi tutti eravamo già a conoscenza di queste “regole” ma una rinfrescatina non sarà di certo inopportuna.

Un saluto e al prossimo consiglio.

 

 

I commenti sono chiusi.