Preparare una Confettura di Agrumi in Vaso

Preparare una Confettura di Agrumi in Vaso

Conservare gli agrumi, ovvero, arance, mandaranci, limoni, mandarini e pompelmi, sono gli agrumi invernali per eccellenza. Il mandarino ha la scorza simile all’arancia ma molto più profumata, fragile e ricca di oli essenziali. questi ultimi compaiono nel tardo autunno sul mercato,  intorno al periodo natalizio. Sono ricchissimi e preziosi per gli elementi che lo compongono.

Dal momento che non possiamo rifornirci di questi specialissimi frutti tutto l’anno, ho pensato bene di invasarli per poterne usufruire a mio piacimento per una ottima colazione oppure per una sfiziosa merenda.

Confettura di AgrumiProcuratevi:

  • 10 mandarini
  • 5 mandaranci
  • 2 arance di qualità tarocchi
  • 4 litri di acqua
  • 1 bicchierino di acqua di fior d’arancio (reperibile al supermercato)
  • il succo di un limone
  • qb zucchero

Pulite la frutta con un tovagliolo per eliminare la polvere o eventuali tracce di prodotti chimici.

Immergere poi tutta la frutta in una bacinella piena d’acqua e lasciarla per ventiquattro ore.

Asciugarla e cominciate a tagliarla a fettine lasciando la scorza ma eliminando tutti i noccioli interni.

In una casseruola mettete la frutta preparata e l’acqua a fuoco molto vivo a pentola scoperta, al fine di eliminare la maggior parte di umidità. Successivamente abbassate la fiamma e proseguire la cottura.

Dopo circa tre ore, aggiungete lo zucchero e cominciate a mescolare per evitare che si attacchi sul fondo del recipiente.

Continuate a mescolare col cucchiaio di legno fino a quando versando una goccia di confettura su un piatto inclinato scivolerà senza lasciare traccia.

A questo punto possiamo aggiungere il succo di limone e far bollire ancora una decina di minuti. Dopo di che lasciar intiepidire. Aggiungere l’acqua di fior d’arancio e rimescolare. Attendere che la conserva si raffreddi prima di invasare in barattoli preventivamente sterilizzati. Poi foderate i coperchi, nel loro interno, con dischi di carta oleata intrisa d’acquavite oppure d’alcool da frutta.

I Commenti sono chiusi.