I Babbà della Tata

Prima di tutto c’è da puntualizzare che il Babbà in realtà è nato in Polonia e che il suo vero nome è “babka ponczowa”, ovvero “dolce della nonna”!!

Ribattezzato in francia come “baba” e corretto infine dai napoletani aggiungendo la B portandolo ad essere il meglio conosciuto Babbà!

Per la pasta:

farina gr.240

burro gr. 80

babba mignonzucchero gr. 40

uova 4

lievito di birra gr. 20

sale fino gr. 4

per lo sciroppo al rhum:

acqua cl. 30

zucchero gr. 160

rhum dl 1e1/2

per ungere:

burro gr. 50

tempo di lievitazione 2 ore

tempo cottura 15 min a 180°

Con un terzo della farina fare un panetto: sciogliere il lievito di birra in 2-3 cucchiai di acqua tiepida e amalgamarlo alla poca farina. Lavorare la pasta col polso, renderla liscia quindi metterla su un piatto infarinato a lievitare per una trentina di minuti. Quando si gonfia porla in una ciotola concava, versarvi le uova, il burro tenuto per qualche ora a temperatura ambiente e amalgamare con le dita.

Aggiungere la restante farina, lo zucchero e il sale. Ottenuto un impasto morbido, sbatterlo più volte nel modo seguente: prenderlo tra le dita, sollevarlo e sbatterlo nella stessa ciotola fino a quando presenta delle bolle. A questo punto lasciarlo nello stesso recipiente per circa 40 minuti a lievitare.

Quando è cresciuto, metterlo in 10 formette del diametro di 6 centimetri e dell’altezza di 5-6 centimetri unte di burro. Riempire le forme fino ad una loro metà. Far lievitare di nuovo quindi informare in forno già riscaldato a 180′. Contare il tempo di cottura da quando il dolce entra in forno.

Sformare i Babbà e lasciarli raffreddare.

Preparare lo sciroppo facendo bollire per un paio di minuti l’acqua con lo zucchero. Porre un Babbà per volta su un piatto fondo e versarvi lo sciroppo caldo su tutti i lati.

Al momento di servire bagnare i Babbà di rhum e sistemarli su un vassoio ricoperto da un tovagliolo.

Questi splendidi Babbà sono stati preparati dalla mia amica Samantha, io ancora non ho provato a farli, vi farò sapere 🙂

Ciao a tutti e al prossimo consiglio.

I commenti sono chiusi.

Vai alla barra degli strumenti