Le cartellate di Giusi

le cartellate di GiusiCare lettrici e cari lettori eccoci ritrovati dopo un lungo periodo di vacanza, prima di presentarvi la ricetta delle cartellate di Giusi, volevo dare il mio più sincero augurio di buon anno sperando che quest’anno sia migliore del precedente per tutti noi.

Come vi ho accennato, oggi vi presento la ricetta delle cartellate di Giusi, premetto che quella delle cartellate è una ricetta tipica pugliese e come per tutti i piatti tradizionali, ognuno ha la sua ricetta, percio’, come si dice “casa che vai, ricetta che trovi”.

 

Ingredienti:

1/2 kg di farina 00

50 gr di olio d’oliva

olio per friggere q.b.

vino bianco dolce (tipo moscato e affini) q.b.

Procedimento:

Si mette la farina a fontana sulla spianatoia e si versa al centro l’olio ben caldo, si amalgama bene l’olio e poi si aggiunge il vino bianco necessario per impastare.

Si lavora bene la pasta fino a renderla liscia ed elastica, quindi si.fa una bella palla e si copre con un canovaccio per non farla seccare.  Dalla palla si preleva un pezzetto di pasta alla volta e si tira una sfoglia sottile sottile (la mamma di Giusi diceva che si chiamano cartellate perche’ devono essere sottili come fossero di carta) .

Si tagliano con la rotellina dentellata tante striscioline larghe circa due dita, pinzando con la punta delle dita le striscioline ad intervalli regolari, si fomano tante “vaschette” e nel contempo si arrotolano a spirale come a formare delle rose. Finito un pezzetto di pasta, se ne prende un altro e si ricomincia. Le cartellate si devono lasciare asciugare per qualche ora, quindi si possono friggere: si mettono nell’olio ben caldo poche alla volta con le vaschette rivolte in su, quando vengono a galla si girano con le vaschette rivolte in basso e poi si lasciano sgocciolare sulla carta assorbente. Finita la frittura, si condiscono con il miele e si decorano con dei confettini colorati oppure si condiscono con il “vincotto”. In questo caso si scalda il vincotto in una padella e vi si immergono velocemente le cartellate poche per volta, devono essere velate dal vincotto e ne deve restare un poco dentro le vaschette; quindi si decorano con la granella di mandorle tostate.

Come vi ho detto “casa che vai, ricetta che trovi” quindi se volete, fatemi avere le vostre ricette.

Per restare in tema di ricette tipiche pugliesi, leggete anche le frittelle salate pugliesi

Un saluto a tutti e al prossimo consiglio ed ovviamente un grazie speciale a Giusi per aver condiviso con noi la sua ricetta.

1 Commento
  1. […] vi ho proposto la ricetta delle cartellate di Giusi, tipica ricetta tradizionale pugliese, per restare in tema di ricette tradizionali oggi vi propongo […]

I commenti sono chiusi.